NEWS

BETULLA: IL LEGNO DEGLI UTENSILI CASALINGHI


pubblicato il06/09/2017 12:47:46 sezione News
BETULLA: IL LEGNO DEGLI UTENSILI CASALINGHI

Diffusa praticamente ovunque, la betulla è una di quelle piante che, con la loro generosa produzione di legno, hanno praticamente insegnato all’uomo l’arte della fabbricazione di utensili con tale materiale, instradando in maniera determinante usi e costumi dei popoli dell’antichità.

Sin dal Neolitico, il legno di betulla era conosciuto e utilizzato nei modi più svariati: dalla corteccia, ad esempio, si ricavavano manufatti resistenti all’acqua, e di seguito le prime rudimentali imbarcazioni. L’ampia diffusione della betulla nell’uso quotidiano e, di riflesso, nell’immaginario collettivo, sin dall’alba dei tempi, è testimoniata anche dalla sua onnipresenza in canti, leggende e miti popolari, in particolari quelli dei popoli nordici.

I più esperti distinguono due varietà di betulla: la betulla bianca o verrucosa e la betulla pelosa o delle torbiere. In realtà, le due varietà sono estremamente simili, al punto che in fase di lavorazione si tende a non fare distinzioni fra l’una e l’altra.

Entrambe le varietà presentano un livello di crescita piuttosto sostenuto, concentrato prevalentemente nei primi 20-25 anni, dopo i quali il legno è già pronto e disponibile per la lavorazione. D’altronde, si tratta di una pianta la cui aspettativa di vita è decisamente bassa per un albero: intorno ai 120 anni di media.

Il legno di betulla si presenta generalmente di un colore bianco sporco tendente al giallo, con una discreta concentrazione di nodi, comunque di dimensioni contenute e non compromettenti per la lavorazione. Non infrequente la presenza di macchie più scure, di colore bruno-rossastro. Una variante molto caratteristica è quella della betulla finlandese, che presenta delle piccole venature di corteccia concresciuta nel mezzo del durame, dando luogo al legno di betulla marezzata, molto ricercato per la fabbricazione di mobili e rivestimenti per interni.

La consistenza del legno di betulla è notevole, seppur non smodata. Viceversa, il peso specifico del legno è decisamente considerevole. Si essicca facilmente, ma le variazioni di umidità possono facilmente determinare fenomeni di incurvatura e imbarcamento, ma anche di colorazione indesiderata della superficie: per questo motivo, in genere, si tende a forzare l’essiccatura del legno, comprimendo il più possibile il tempo necessario al raggiungimento di un’adeguata deumidificazione delle fibre interne.

Infine, la betulla non è un legno durevole, ed è facilmente attaccabile da funghi e parassiti: necessita pertanto di essere adeguatamente protetto.

Malgrado tali debolezze strutturali, la betulla è un legno molto ricercato per la produzione di rivestimenti per interni, parquet e impiallacciature. Ampia è anche la diffusione di questo legno per utensileria di vario genere e giocattoli per bambini. Nei paesi del Nord Europa è ancora oggi considerato uno dei legnami da ardere più sicuri, soprattutto per un impiego en plein air, in virtù della ridotta emissione di faville.

Per ulteriori informazioni e preventivi contattare la sede di Perugia di Buini Legnami, troverete assistenza immediata per ogni genere di richiesta.



Condividi nei social network   

Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   

Leggi articoli simili

BUINI E GIUSTOZZI

Nuova Porsche Panamera Perugia

PERO: UN TOCCO DI CLASSE


BUINI PER AMATRICE

Curva nord Perugia e Buini legnami

I TAGLI DEL LEGNO DA COSTRUZIONE


PALISSANDRO: UN TOCCO DI STRAVAGANZA


IL SUCCESSO DELLA BIOEDILIZIA E LA RIMONTA DEL LEGNO


CASTAGNO: UN LEGNO DA SALVARE

REGOLAMENTO LEGNO DELL’UNIONE EUROPEA


CLASSIFICAZIONE DEL LEGNO


WENGÉ: DAL CUORE DELL’AFRICA