NEWS

CILIEGIO: ESTETICA E FUNZIONALITÀ


pubblicato il06/09/2017 13:02:28 sezione News
CILIEGIO: ESTETICA E FUNZIONALITÀ

Continua l’excursus di Buini Legnami attraverso i principali tipi di legno, tra cui figurano molti di quelli utilizzati dall’azienda per la costruzione di strutture in legno, tettoie, pergolati, case in legno prefabbricate e molto altro, ad Assisi e Perugia (ma non solo). Stavolta è il turno del ciliegio.

Apprezzato come albero da frutto, il ciliegio è largamente utilizzato almeno in altri due ambiti.

Come pianta ornamentale, in ragione del florido sviluppo dei suoi rami e del suo fogliame, nonché della bellezza dei suoi fiori. E come fornitore di legname per falegnameria, in particolare per quanto riguarda la produzione di mobili di pregio (molto più raramente per le strutture in legno deputate a reggere il peso di costruzioni edili).

In tale specifico ambito vengono solitamente distinte due varietà di ciliegio: quello americano, detto anche black cherry in virtù del colore più intenso del durame, e in possesso di una tessitura più regolare e con meno nodi, il che lo rende adatto alla realizzazione di rivestimenti per pavimentazioni; e quello europeo, generalmente più pregiato, più pesante e dal colore leggermente più chiaro che esalta le caratteristiche venature rossastre da sempre apprezzate nell’ambito dell’interior design di qualità.

Il ciliegio è un legno duro, compatto e poroso. Dotato di un peso specifico oltremodo significativo, sfrutta questa caratteristica per prestarsi alla realizzazione di mobili e altri elementi della casa (le già citate porte e finestre) dalla struttura massiccia e imponente. L’essiccatura non presenta problemi particolari, se non la necessità di un’ordinaria profilassi contro le fenditure e le spaccature.

L’unico inconveniente significativo è la lentezza di questo legno ad asciugarsi in maniera soddisfacente; e ovviamente questa prerogativa espone la materia prima a maggiori rischi di imbarcamento; per questo motivo, la stagionatura del legno di ciliegio deve essere svolta in ambienti idonei e seguita passo dopo passo, onde evitare che la buona resistenza alle deformazioni delle sue fibre venga vanificata dalla prolungata persistenza dell’umidità al loro interno. In alternativa, si ricorre sovente all’essiccazione artificiale, che però rischia di compromettere il colore originario del legno.

Anche per questo motivo il ciliegio essiccato in maniera naturale è particolarmente pregiato e ricercato.

Come già accennato, il legno di ciliegio viene largamente impiegato nella produzione di mobili di prestigio, rivestimenti, finiture e complementi d’arredo. Per quanto riguarda l’arredamento, è spesso abbinato ad alti legni meno pregiati, a causa del costo particolarmente elevato.

Non trascurabile il suo impiego nella realizzazione di manufatti di qualità, ebanisteria, utensileria e attrezzistica. Due ulteriori utilizzi più specifici e circoscritti, ma non per questo trascurabili, sono rappresentati dalla realizzazione di strumenti musicali a percussione e accessori per la musica (ad esempio panche per pianoforti), e di botti per la conservazione di vini e liquori.



Condividi nei social network   

Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   

Leggi articoli simili

PALISSANDRO: UN TOCCO DI STRAVAGANZA


COME SONO FATTI I TETTI IN LEGNO

REGOLAMENTO LEGNO DELL’UNIONE EUROPEA


BOSSO: IL GIARDINIERE TENACE


SORBO: MUSICA E PROFUMI


EBANO: IL FASCINO DEL NERO


DEFORESTAZIONE

mondo