NEWS

ACERO: INFINITA ELEGANZA

pubblicato il07/09/2017 10:12:56 sezione News
ACERO: INFINITA ELEGANZA

Nelle sue numerose varietà, l’acero è una pianta diffusa in quasi tutto l’emisfero settentrionale del pianeta, dall’America fino all’Estremo Oriente (con l’unica eccezione significativa della Siberia), mentre è quasi completamente assente in quello meridionale, se si eccettuano alcune aree dell’Indonesia (si parla, beninteso, di coltivazioni intensive e/o di macchie forestali di dimensioni significative).

Le tante varietà sono, a volte, molto diverse tra loro: l’acero americano e quello canadese, ad esempio, sono di dimensioni notevolmente più rilevanti, mentre quello italico è più piccolo e fornisce una minore quantità di legno che però, alla lavorazione, si rivela molto più malleabile, flessibile e resistente per realizzare strutture in legno; per questo duplice motivo, l’acero italico è considerato un legno estremamente pregiato, mentre l’americano e il canadese, pur rientrando nominalmente nel novero delle essenze lignee di pregio, sono rintracciabili sul mercato in maggiori quantità e a prezzi - talvolta significativamente - più contenuti.

L’acero cresce su terreni collinosi e submontani. Predilige un clima umido e non molto caldo. I maggiori produttori di legno d’acero sono gli Stati Uniti e il Canada, dove sono rinvenibili foreste di notevole estensione.

In particolare, in Canada l’acero è talmente celebre e diffuso, così immediatamente riconoscibile, da avere persino un valore iconico per l’intero paese: si pensi che sulla bandiera canadese, al centro esatto della stessa, è raffigurata proprio una foglia d’acero.

Ciò è dovuto anche al peculiare quanto massiccio utilizzo per scopi alimentari di alcune varietà della pianta, dalla cui linfa sottoposta a ebollizione si ricava il celebre (particolarmente nel Nord America) sciroppo.

Negli ultimi anni, ai due colossi nordamericani si sono affiancate la Cina e in parte anche la Corea del Sud, con le loro coltivazioni intensive. Ciononostante, le varietà più pregiate di acero rimangono l’italico e il giapponese.

Al taglio, il legno di acero può presentare diverse colorazioni, a seconda della varietà. Quella più comune è un marrone chiaro dalla struttura compatta, con delle venature leggermente più scure ma ben visibili. Alburno e durame hanno pressoché lo stesso colore.

L’acero è un legno leggero e poroso, tuttavia presenta un coefficiente di resistenza alquanto elevato, grazie soprattutto alla sua notevole flessibilità.

Si presta ottimamente a quasi ogni tipo di lavorazione, ma deve essere accuratamente protetto, in quanto facilmente attaccabile da funghi, parassiti e altri agenti infestanti. Inoltre, malgrado il processo di deumidificazione non faccia quasi mai registrare deformazioni significative, l’acero non mostra una grande resistenza all’umidità, a meno che non venga protetto da sostanze impermeabilizzanti.

L’acero è largamente impiegato dall’industria del mobile per la realizzazione di mobili per interni di pregio; in particolare l’acero italico, più duro e massiccio (ma anche il più costoso di tutti), si presta ottimamente a tale scopo. Inoltre, negli ultimi anni si stanno imponendo sul mercato diversi modelli di cucine realizzate con legno d’acero.

Le varietà meno pregiate trovano un ampio utilizzo in ebanisteria e nella produzione di strumenti musicali, soprattutto quelli ad arco e a corda. Non è infrequente trovare il legno d’acero in infissi, pavimenti o rivestimenti per interni. In Nord America, infine, alcune varietà poco pregiate di tale pianta sono impiegate come legna da ardere.

Buini Legnami offre le migliori qualità di acero per la realizzazione di una vasta gamma di prodotti e strutture in legno a Perugia di vario genere, chiamate o venite a trovarci per informazioni sulle lavorazioni.



Condividi nei social network   

Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   

Leggi articoli simili

TEAK: SEDUZIONE ESOTICA

CASETTE IN LEGNO

Buini legami Umbria

TASSO: DALL’ALBA DEI TEMPI

ABETE BIANCO: IL PRINCIPE DELLE CONIFERE


EBANO: IL FASCINO DEL NERO


PERO: UN TOCCO DI CLASSE