NEWS

COME SI MISURA LA DUREZZA DEL LEGNO

pubblicato il07/09/2017 10:31:53 sezione News
COME SI MISURA LA DUREZZA DEL LEGNO

Nell’ambito della lavorazione dei materiali, con il termine durezza si intende l’attitudine del materiale stesso a resistere alla penetrazione di un corpo estraneo: detto in termini più semplici, più un materiale è duro e più è difficile conficcarvi un chiodo, trapanarlo, segarlo e così via.

Per quanto riguarda il legno e le strutture in legno, il coefficiente di durezza rappresenta uno dei parametri più importanti per definirne le caratteristiche.

In tal senso, non si tratta semplicemente di collocare un determinato legno all’interno di un’ipotetica scala gerarchica basata sul pregio, il costo e la diffusione: la durezza è piuttosto un elemento di valutazione per determinare la corretta destinazione d’uso del legname lavorato, così come gli ambiti in cui esso ha la possibilità di mettere in evidenza le proprie qualità principali (e magari, al tempo stesso, minimizzare i difetti).

In genere, per misurare la durezza del legno, nei paesi dell’Unione Europea e in continenti come l’Asia e l’America Latina si utilizza il sistema Brinell, mentre i paesi anglosassoni prediligono il sistema Janka.

Concepito all’inizio del Ventesimo Secolo come metodologia di misurazione della durezza dei metalli, il sistema Brinell (dal nome dell’ingegnere svedese che lo brevettò) è stato adattato qualche decennio dopo al legname.

Esso si basa su un sistema empirico di misurazione: si utilizza una sfera di ferro di 10 millimetri di diametro, comprimendola contro la superficie del materiale da misurare con un carico di 50 chili per un periodo di tempo stabilito.

Il rapporto tra carico massimo applicato e superficie dell’impronta lasciata dalla sfera sul materiale determina il coefficiente di durezza di quest’ultimo.

Il vantaggio principale di questo sistema è rappresentato dalla relativa facilità delle misurazioni e dall’esiguità della strumentazione necessaria. Inoltre, il materiale sottoposto a misurazione non viene danneggiato, ma appena scalfito dalla pressione.

In passato, lo svantaggio risiedeva nella sensibile approssimazione delle valutazioni, dal momento che non esistevano strumenti per la misurazione esatta dell’impronta lasciata dalla sfera; ma oggi, grazie a strumenti di precisione più accurati, anche questo inconveniente è stato superato, e il sistema Brinell ha preso decisamente il sopravvento sugli altri, divenendo una sorta di esperanto per la valutazione caratteristiche meccaniche e commerciali del legname.

Per scoprire quale sia la tipologia di legno e le strutture in legno più adatte alle vostre esigenze contattate Buini Legnami a Perugia, affidabilità e competenza sono a vostra disposizione.



Condividi nei social network   

Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   

Leggi articoli simili

PELLET

Produzione e utilizzo

BUINI E GIUSTOZZI

Nuova Porsche Panamera Perugia

PERO: UN TOCCO DI CLASSE


LEGNO E CELLULOIDE

La scenografia nel cinema

BETULLA: IL LEGNO DEGLI UTENSILI CASALINGHI


CORNIOLO: L’INDISTRUTTIBILE

CASETTE IN LEGNO

Buini legami Umbria

TIGLIO: LIGNUM SACRUM